Padoin e’ megl e Pele’

330

Ventura è stupito dalle parole di Jorginho, ma perché si lamenta il terrunciello italobrasiliano? Cosa vuole?
Tavecchio intanto conferma il CT fino al 2020.
Ed i temi sono sempre gli stessi anche se cambia l’allenatore.
Come un anno fa di questi tempi alla vigilia dell’Europeo.
Che tristezza…
Ghe drisdezza…
Amarcord…

 

 

E ora per cortesia non cominciamo con i soliti provincialismi.
Non cominciamo a lamentarci.
Non facciamoci riconoscere col solito vittimismo partenopeo.
Questo è un fenomeno.
Un genio.
Un maestro di calcio.
Per cui noi dobbiamo solo tacere. Del resto chi siamo noi, poveretti, per contestare le illuminate scelte di cotanto CT ?
Date a Conte una maglia azzurra a strisce, uno schema Pechino ed un direttore di gara accondiscendente e questo è capace di vincere anche l’europeo con un rigore inesistente o un fuorigioco millimetrico.
Ge la fa.
Ge la fa.
Non ge la fa.
Non gia budimm fa’…
E poi, anche se, dal basso del nostro brovingialismo, volessimo ragionare solo da tifosi dovremmo solo ringraziare il mister capelluto.
Antonio il misericordioso.
Grazie mister!
Ci ha convocato pure Insigne.
Ci ha fatto questa grande, enorme concessione.
Certo l’ha fatto sprandegare, l’ha schiattato in corpo un giorno sì e un altro pure, l’ha messo in competizione con Pavoletti e Giovinco e pur co magazzinier e Coverciano.
Pero’ l’ha convocato.
Quindi di cosa ci lamentiamo?
È già è assai se Conte so port.
La nazionale infatti e’ piena di talenti.
Pullulano.
Spuntano come funghi.
Da Bernardeschi a Giaccherini, passando per Pelle’, per non parlare di Parolo e Zaza.
E in mezzo a cotanta qualità Conte ha convocato anche Insigne, pur reduce da una stagione sicuramente non all’altezza, resa meno indegna da qualche golletto e alcuni passaggi vincenti.
Antonio il misericordioso ha voluto premiare sto mezzo giocatore.
Pare che Lorenzo sarà addirittura il dodicesimo.
La prima riserva di Eder.
Mi viene o fridd ncuoll.
Un onore.
Perché Eder e’ un vero e proprio fuoriclasse, tanto che pare che il Psg stia pensando a lui per sostituire Ibra.
Allora non cominciamo a frignare ed a lamentarci perché non è’ stato convocato Jorginho.
Intanto stu Jorginho non è manco italiano per cui è giusto così.
Si è vero manco Eder e’ italiano, ma Eder e’ mostr e poi non ha la “nh”, non è ederinho.
Vabbe’ manco Thiago Motta e’ italiano però è fortissimo infatti gli hanno dato anche la maglia numero dieci , ma poi che c’entra?
Sono considerazioni pretestuose.
Io non ci sto a questo gioco.
Non accetto che si screditi un Ct al di sopra di ogni sospetto.
Uno che non guarda in faccia a nessuno.
Uno che non fa differenze.
Non ci sto.
Manco facesse due pesi e due misure.
Manco convocasse i panchinari di alcune squadre e non quelli di altre.
Manco trattasse diversamente tesserati di alcune società rispetto a quelli di altre.
Ma per favore.
Che qualunquismo!
E poi Jorginho che ha fatto per meritare la nazionale quest’anno?
A parte duecentomila passaggi completati, primo in Europa?
Ci vuole di più per meritare la maglia azzurra, non scherziamo.
È normale che mi porto Sturaro e non Jorginho.
È una questione di attitudine, di esperienza.
Sturaro ha più esperienza, ha già vinto ben due scudetti.
Perciò mi porto gli juventini.
Mica per qualcosa.
Perché hanno vinto, sono vincenti.
I napoletani invece sono perdendi.
Perdendi e un po’ rosiconi.
Un po’ tanto rosiconi.
Io tra nu Jorginho e nu Sturaro scelgo sempre Sturaro, tutta la vita.
Piuttosto stupisce la mancata convocazione di Padoin che di scudetti ne ha vinti tre (o quattro? Vabbuo’ facciamo sei, tanto decidono loro…).
Stupisce davvero che non ci sia Padoin, perché tutto sommato è meglio e Pele’ perché ha vinto più scudetti di Maradona…
Gonde, te la posso dire una cosa ma va a…

Forza Belgio e Slovacchia e Albania e chi più ne ha più ne metta
E forza Nabboli sembre.

 

L’editoriale
Di F.Antignani

Articolo precedenteEnd d uinner iiiiiiiiiis…
Prossimo articoloAllegro ma dove vai?
mm
Felice, papà, molto, e marito. Ispirato dalla filosofia Troisiana e cresciuto a pane e Così Parlò Bellavista. Malato (grave) di Napoli e del Napoli dalla nascita. Rapito dall’ironia e dalla punta di penna di Peppino Pacileo. Appassionato di economia, anche per necessità. Insomma una gran bella vita da orsacchiotto. Poi, però, prendi un tram in faccia all’improvviso e tutto si ribalta… e tutto è diverso. Ma non bisogna mai mollare…mai…perché il cielo è azzurro…proprio come il mare…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.