Le pagelle di Sampdoria-Napoli

861

Ricordo il lunedì dopo Napoli-Fiorentina. A TVLuna con Fili e Carlo a fare le tabelle per capire dove potevamo fare i dodici punti che servivano per salvarci. Nel pessimismo cosmico di quei momenti, del peggior Napoli della stagione, non riuscivamo proprio a trovarli. Sono passate tre partite ed ora sono tutti a fare tabelle per capire come raggiungere Atalanta e Roma, ma, perché no, anche Inter e Juve. In pieno ottimismo cosmico. Mi arrivano messaggi su messaggi. L’aggancio avverrà di sicuro, tra poche partite. Questione di giorni, di ore, forse minuti. Arriveremo quarti di sicuro. Ma non solo. Vinceremo la Coppa Italia. E il Barcellona deve stare molto ma molto attento. Perché noi siamo il Napoli. E siamo tornati. Se giochiamo da Napoli… Se facciamo un filotto di 37 partite consecutive…magari 40 sul campo…

Se…Se…Se…

Tifosi. Siamo tifosi. E siamo fatti così.

Basta poco per trasformare la depressione totale in delirio di onnipotenza e viceversa.

Io però sono un po’ scottato. Quest’anno sono successe troppe cose strane. Quindi voglio vivere alla giornata. Non mi parlate di tabelle e specialmente di filotti. I filotti mi stanno sulle balle. E portano davvero male. E allora facciamo prima possibile questi dieci punti e poi vediamo. Tanto non abbiano nulla da perdere ed il bello è proprio questo…

Meret 6-

In versione mano moscia. Arriva su tutti e due i tiri, bellissimi, dei gol. Non riesce però a respingerli, per poco. Peccato. Dategli due vitamine. Sembra poco sereno. L’alternanza con Ospina non lo aiuta. Gattu’ diamogli qualche certezza. Non bruciamolo.

Hysaj 5

È il 28’ di gioco. Ma è come se fosse la mezzanotte per Cenerentola. Purtroppo a volte le favole finiscono e le carrozze tornano zucche. È il 28’ quando scivola goffamente, forse perde pure la scarpetta, e Quaglia segna. Da quel momento finisce la magia della favola, va in affanno e non è più il mitico giocatore ammirato contro la Juve e la Lazio. Chissà se un giorno tornerà quel meraviglioso Hysaj. Comunque vada è stato un vero privilegio…

Manolas 5,5

Serata durissima per Kostas Decimo Meridio. Fabius Quagliarellus lo stabiese non scherza. E come al solito contro di noi è ispirato dagli dei del calcio. Infatti come al solito fa ‘nu Dio ‘e gol. Il nostro Gladiatore lotta senza risparmiarsi ma alla fine esce perdente a confronto del gigantesco avversario. Onore a Fabio!

Di Lorenzo 6

Gattu’, mo basta. Vedere Maksimovic e Koulibaly ittat ‘ncopp ‘a panchina e il nostro povero Gionny al centro della difesa è un’offesa al calcio. Ok, era per necessità. Mo’però basta. Ora ritornano i centrali. Quindi da domani i centrali facciano i centrali e i terzini facciano i terzini. Anche perché assai ne teniamo di terzini…

Mario Rui 6

Serata difficile. Per lui e per Insigne, il suo mental coach, che deve dividerlo dagli avversari almeno cinque o sei volte, sedando risse da buttafuori consumato. Di nuovo ‘ncazzusissimo. Loro provocano e lui ci casca. Si tira questioni con chiunque. Fa semp chest…

Lobotka 6,5

Una splendida sorpresa. Fisico da parcheggiatore abusivo, e faccia da cantante neomelodico. E nonostante ciò una classe evidente. Per la gioia di Mughini e Cruciani. Prende in mano il centrocampo azzurro e lo fa girare alla grande per mezz’ora. Poi cala. Ma le premesse sono buone assai.

Demme 7+

In realtà meriterebbe 4. Visto che è influenzato lo mettono in isolamento per evitare che contagi tutti. E lui che fa? Entra in campo e segna pure. Così sono andati tutti ad abbracciarlo (Il primo ovviamente è stato Hysaj). Ora ci sarà una epidemia nello spogliatoio azzurro: il DemmeVirus. Tutta colpa sua. Untore.

Zielinski 5,5

Un paio di perle in mezzo al nulla cosmico. Bellissimo il cross del primo gol che gli vale mezzo punto in più. Poi una partita da potrei ma non faccio. Avrebbe dovuto scassare tutto con quegli spazi a disposizione. Invece…

Elmas 7

Piangi ragazzo. Fai bene. Noi piangiamo con te. Per questa maglia si soffre, si lotta ma poi si piange anche di gioia. Con le tue lacrime hai conquistato tutti. Ora sei davvero uno di noi. Chi onora così la nostra maglia merita tutto il nostro amore. Incondizionato. Continua così ragazzo del ‘99. Il futuro non può che essere tuo.

Politano sv

Senza voto. Non ricordo se ha preso una palla. Di sicuro ha preso un sacco di mazzate. Ma nemmeno una punizione a favore. Un cartellino giallo inesistente, quello sì. Stolkerizzato da avversari ed arbitro. Brutto esordio. Un soggettone proprio. Cornuto e mazziato.

Callejon 5

Che volete che vi dica. Io continuo ad aspettare il vero Callejon. Non è di sicuro questo, nonostante un ritrovato impegno. Sembra che miri a cogliere gli avversari. L’orsacchiotto quando si vince? Al cinquantesimo difensore colpito?

Mertens 6+

È finito il mercato. Finalmente. È tornato. Finalmente. Ride di nuovo. Finalmente. Ed abbraccia i compagni. Finalmente. È il momento di scordarsi il passato. Facciamo tornare Puffolandia. Non è troppo tardi. Rivogliamo puffo pleistescio. Ripartiamo da quel gol ignorante da centrocampo al 98’. Un gol da vero puffo pleistescio. Finalmente. Anzi assafa’…

Milik 7,5

Il Principe di Polacchia è il bersaglio del tifoso napoletano medio. Lo devono sempre criticare, sennò pare brutto. Per devozione. Si deve fare. Come il capitone della vigilia. Ma che criticate? Come si può criticare uno che segna in pratica un gol a partita? E vabbè. Caro Arek Nun t piglia’ collera. È segno d’amore. E porta bene. Con Hamsik lo hanno fatto per anni…

Insigne 6,5

Fa un po’ troppe giravolte. È l’effetto Juve. Ma lo perdoniamo. Proprio per l’effetto Juve. Dopo quella giravolta lì, può fare quello che vuole. Chiude la partita senza fare manco un tiro a giro. E questa è una notizia. Gioca ancora una volta da capitano vero e questa non è più una notizia. Curr ‘uaglio’…

Gattuso 6+

Dovevamo vincere e abbiamo vinto. Questa è la doverosa premessa.

E questo va benissimo e vale al mister la sufficienza abbondante.

Resta però una soddisfazione a metà.

Abbiamo giocato 25 minuti perfetti, poi è bastata una mossa tattica di Ranieri ed è cambiato tutto.

Come ampiamente previsto dal mister Gennarino, il buon Claudio gliela ha incartata a dovere.

Noi non abbiamo reagito come dovevamo.

Poteva di sicuro andare peggio.

Siamo stati bravi a soffrire.

Anche un po’ fortunati.

Nel finale la svolta, noi abbiamo fatto entrare Demme, Mertens e Politano e loro Pippo e Topolino.

I nostri subentrati hanno fatto la differenza, i loro un po’ meno

Avevamo una discreta panchina, in effetti.

Abbiamo avuto troppi infortuni.

È ora di recuperare un po’ di gente in infermeria. Adesso ci servono davvero tutti.

È ora il momento di accelerare e dare il tutto per tutto. Di provarci.

Sembra finalmente di vedere una squadra vera.

Sembra che finalmente tutti remino dalla stessa parte.

Era ora. Davvero.

Ranieri 10

Un grande uomo di sport. Uno stadio intero ci insulta e non è una novità. La novità è che lui chiede scusa per i suoi tifosi. La novità è che lui non dice di non aver sentito, non dice di non avere capito. Chiede scusa e basta. Lui, l’allenatore che ha fatto sognare il mondo con l’impresa epica del suo Leicester. Scuse accettate, ovviamente. Signori si nasce. Chapeau!

Forza Napoli Sempre

3 Commenti

  1. Perché noi siamo il Napoli. E siamo tornati. Se giochiamo da Napoli…
    Passo dopo passo, speriamo sia iniziata la scalata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.