Le pagelle di Salisburgo-Napoli

419

Diciamolo subito. A scanso di equivoci. Non era per niente facile. Intanto in Champions non è mai facile. Poi il Salisburgo in casa non perdeva da 70 partite. Quella volta, una decina di anni fa, giocava ancora Prohaska. E poi loro erano davvero incazzati. Come tori. Ma avete visto che salute tengono? E come cazz corrono? E come so’ grossi? È evidente che stann chin ‘e Red Bull e di bevande energetiche sperimentali. Tipo cavie. Li abboffano. Si vede da come stanno agitati e pieni di tic. Non si fermano mai. Stanno talmente pieni di bubbazze che al confronto i bianconeri che escono da J Medical sembrano salutisti usciti da un centro Messegue. Non era per niente facile. Anche perché noi in tutto questo eravamo rimaneggiatissimi. Con la difesa decimata. Mancavano Manolas, Maksimovic, Hysaj, Rui e Ghoulam. Uanema! E poi l’assenza più grave. Quella di Tommaso il magazziniere. Dries e Lorenzo gli hanno dedicato la vittoria. Ha avuto un piccolo incidente col motorino. Tomma’ mannagg ‘a capa tua, rimettiti presto… E torna a fare il caffè. ‘Na tazzulell ‘e cafe’ e ti passa la paura. ‘O cafe’ è la vera bevanda energetica… c’amma fa’ cu sta Red Bull?

Meret 8
Alex le ali già ce l’ha. Non ha bisogno della Red Bull. Svolazza nell’aere come un vero angelo azzurro. Il nostro angelo azzurro. È nostro e ce lo teniamo stretto. Strepitoso.

Malcuit 5+
Procura un rigore che ti viene voglia di scippargli a uno a uno quei capelli bianco/gialli scagnati che ten ‘ncapa. Scarolissima. In difesa sempre in difficoltà. Benino in attacco anche se l’assist del secondo gol è un cross sbagliato deviato. Ma in pochi se ne sono accorti.

Koulibaly 6-
Si scambia con Luperto. In pratica lui fa il Luperto e Luperto fa il Koulibaly. La cosa ovviamente è abbastanza inquietante. I risultati però sono comunque positivi. Cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia. A proposito di fattori negli ultimi venti minuti sembra nu vero zappatore, irriconoscibile. Tiene il secondo gol sulla coscienza.

Luperto 7,5
Ha ragione il mister. È il vero simbolo della vittoria del Napoli. Chiamato in causa per sostituire Manolas si trasforma in un novello Beckenbauer. Posseduto dallo spirito di Albiol, il suo sosia e fratello maggiore separato alla nascita. Chiude, difende e imposta, come un vero ministro della difesa. Dignitosissimo. Anzi dignitosissimissimo

Di Lorenzo 6+
Di nuovo a sinistra. Gionny tuttofare non tradisce nemmeno stavolta. Neanche in versione europea. In Europa già lo chiamano Jonny all to do. E chest’e’… This is… Go Johnny go…

Allan 7,5
Ho scoperto che la stagione della caccia è cominciata da poco. Quindi è normale che pian piano stia tornando ‘o can ‘è presa. Non si sottrae alla lotta con buona pace della mamma. Tornato finalmente in versione Taz. Azzanna le caviglie dei tori austriaci sbubbazzati senza sfigurare. Se torna il vero Allan…

Fabian 6,5
Passa tutta la gara a cambiare posizione in campo per far contento Ancelotti e soprattutto per cercare la posizione ideale di Zielinski. Si fa tre/quattro ruoli diversi tutti con buoni risultati. Lui. Esce dal campo con evidenti crisi di identità ed esistenziali.

Callejon 6-
Sta un po’ avvilito e si nota. Si vede che “i complimenti” di Dela non gli fanno bene.
Non protegge né aiuta adeguatamente Malcuit, sovrastato dall’urlo d’Oriente di Minamino e Chang. Banzaiiiiiiiiiii.

Elmas sv
Una decina di minuti. Tiene bene palla. Si fa qualche giro verso la bandierina. Ncopp ‘a panchina sta facendo il fisico di Rog. È ora che giochi un po’ di più.

Zielinski 6-
Una gara intera a cercare la posizione. Quella giusta nel primo tempo sarebbe stata la tribuna. Ma in realtà non era colpa sua. Gli mancava il caffè di Starace per svegliarsi. Nell’intervallo ruba una redbull nel loro spogliatoio. Quindi sceta un po’ nella ripresa. Senza esagerare. Appena appena sufficiente.

Mertens 9
Nove. Vero. Altro che falso. Giocatore vero. Centravanti vero. Uomo vero. Napoletano vero. Balla Dries. Balla Puffo. Noi balliamo con te. Ridi. Parea. Noi pariamo con te. Sei il nostro Puffo azzurro. È qui la festa. Accendiamo la pleistescio. Modalità leggenda…

Llorente 6
Una sicurezza. Il nostro vaglia postale. Questo è il suo ruolo. Lo abbiamo preso apposta. Nel finale entra nonno Pippo e la palla è in cassaforte. Fa salire la squadra che è una bellezza. Butta anche un po’ le mani. Che non guasta mai.

Lozano 5
Sgombriamo il campo da equivoci. Non è colpa sua. Era uno schema. Il mister gli ha chiesto di giocare male apposta. Così poteva entrare Insigne e risolvere la gara come da previsioni. Lui non fa altro che applicare i dettami del mister.

Insigne 8
Curr uaglio’. Curr. Corri verso il mister. Abbracciatevi. Abbracciamoci. Guarda come la squadra ti segue. Guarda come siamo belli. Tutti insieme. Intorno a te. Intorno a lui. Intorno a voi. Così sì che siamo davvero forti. Mettici tutta la rabbia. Mettici tutta la tua classe. Curr uaglio’. Corri Capita’…

Ancelotti 6,5
Il fine giustifica i mezzi.
Ed infine anche il mazzo giustifica i mezzi.
Ci vuole fortuna.
Ci vuole coraggio.
Come diciamo a Napoli ci vo’ proprio ‘nu coraggio.
Ci vo’ nu coraggio a mettere Lozano e non Milik dall’inizio.
Ci vo’ nu coraggio a mettere in panca ancora una volta Lorenzo.
Decisioni cervellotiche.
Alzi la mano chi non lo ha pensato.
Alzi la mano chi non ha pensato che il nostro allenatore, uno dei migliori del mondo, si era definitivamente trasformato in Oronzo Cana’.
Io di sicuro.
Però se ti va bene poi hai ragione tu.
E allora sei un eroe.
Ma se avessi perso ti avrebbero preso per un coglione. Come Cana’.
È andata bene.
Anzi di più.
È finito tutto con un abbraccio collettivo.
Da squadra vera.
Un vero e proprio “muntone”.
Tutti con il capitano ed il mister.
Un abbraccio che vale ancora più della vittoria. Tutti uniti. Spalla a spalla ed anche di più.
Tutto stupendo.
A parte ‘a cervicale…
Stabbene!
Nessuno più ti potrà prendere per un coglione mister.
Almeno per un paio di partite…

Forza Napoli Sempre

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.