Le pagelle di Napoli-Sassuolo

249

E come disse quel tale in un noto film: E pure il Sassuolo se lo semo levato dalle… Era Vacanze di Natale. Un cinepanettone di grande successo. E allora meno due. Ce la possiamo fare. Anche la banda terribile di De Zerbi è alle (s)palle. Si avvicinano le vacanze. E non quelle di Natale. Fra un po’ pazziando arriviamo a Ferragosto. Eh già pazziando solo, senza nemmeno ridere. Che poi invece ci sarebbe tanto da ridere. Solo che tutte ‘ste partita ci stanno rimbecillendo. Poco più di un mese fa abbiamo vinto la Coppa Italia. Una grande vittoria. Dopo anniannieanni. Sembra passato un secolo. Ed ottomila partite. Si sta giocando sempre. Troppo per i miei gusti. Non se ne può proprio più. Il campionato è cominciato qualcosa come undici mesi fa. Assurdo. Un anno solare. In un anno può succedere di tutto. E infatti è successo proprio di tutto. Persino un gol di Hysaj. È successo di tutto ma il risultato finale è sempre lo stesso. Cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia. Sta caxx ‘e matematica! ‘Sto caxx ‘e algoritmo…

Ospina 6+

Semifestivo. Tocca dunque a Pisellino. Un’alternanza che comincia a diventare davvero grottesca. ‘A port ro’ Napoli pare il palazzo di Bellavista. C’è il portiere, il vice portiere e il vice vice portiere. Tutti facenti funzione. Tutti in carica. Gattu’ per l’anno prossimo sarà il caso di decidersi, non credi?

Di Lorenzo 6-

Stavolta tocca a lui con Elseid a sinistra. Tre uomini e una maglia? No tre uomini e due maglie. Gionni, Elseid e Mario. Un nuovo trio di successo. Prossimamente al cinema. Magari proprio a Natale…

Manolas 6

Kostas il greco di nuovo in coppia con Kalidou. Gatto ci riprova, con un po’ di masochismo. L’incantesimo non si rompe. Si rompe invece il Greco che finisce con le ossa rotte nel vero senso della parola. Speriamo bene.

Maksimovic 6

Voto di stima. Confesso che mi sono perso qualche passaggio del secondo tempo. Anzi per la verità me lo sono trovato in campo in pratica senza accorgermene. Tutto merito di DAZN. E di tutta la razza sua.

Koulibaly 6,5

Nessuno tocchi il nostro Kalidou. A ‘sto giro non gli capita nessuna faccia di culuseschi né neorubentini in erba. E se si gioca senza barare non ce n’è. Il solito muro di gomma.

Hysaj 8,5

Posseduto. Sembra Forrest Gump improvvisamente dotato dei piedi di Roberto Carlos. Novanta minuti a tutta. Segna un gol alla Ghoulam dei tempi d’oro.

Fabian Ruiz 6

Quanta qualità nel centrocampo del Napoli. E quanta plusvalenza. Mal contati sono oltre 150 milioni di euro. So sord!

Elmas 6

Il ragazzino terribile stavolta era in palla. Un paio di belle iniziative. Molto pimpante. Sfiora il gol.

Lobotka 6

Ecco Giggi di nuovo in mezzo al campo a guidare le danze. Al San Paolo spesso gioca lui. È devozione. Giggi al San Paolo suona bene. Se la suona e se la canta. La classe c’è, manca ancora un po’ di continuità.

Allan 7

Eloquente il suo gesto dopo il gol. I ragazzi lo abbracciano e lui non riesce a trattenere le lacrime. Commosso dice ai compagni: “ e che cacchio e se non segnavo pure io stasera e quando segnavo più …”

Zielinski 7

Lo dico da tempo, impomatato è tutta un’altra cosa. George McFly senza gelatina è come Giovanni, detto Gionni, senza ‘a chitarr. Alliccato, finalmente, ed in grande spolvero. Era ora. Brillante e brillantinato.

Callejon 5,5

Toh chi si rivede. Baffo ritorna titolare. Con Hysaj posseduto dallo spirito di Garrincha a destra si gioca poco. Poi Insigne chiama un perfetto taglio Callejon e lui si mangia un gol incredibile. L’ennesimo della stagione. Spuntato.

Politano 6+

Gioca con un leone sulla schiena. E stendiamo un velo pietoso. Forse era meglio una scimmia sulla spalla. Prende lui il palo quotidiano. Ormai è come un rituale. Con tanto di almanacco del giorno prima. Oggi 25 luglio prende il palo Politano martire. Il 25esimo dell’anno.

Milik 5

Vi confesso che ci ho messo almeno 15 minuti per capire se stava davvero giocando. La risposta ahimè era sì. Ci mette una grinta talmente bassa che in confronto il Dalai lama in meditazione è come Sgarbi nel pieno di una rissa verbale. Moscio. Anzi moscissimo.

Mertens 6

Se la guarda a lungo. Saltella qua e là da provetto Puffo Bolle. Poi dice ad Allan va’ e segna che stasera ha segnato chiunque. E Allan va.

Insigne 6,5

Lorenzo non pensava che avrebbe giocato insieme alla reincarnazione di Garrincha sotto forma di terzino meshato. Hysaj straripa ovunque, lui prova a duettare ma, udite udite, non sempre è all’altezza e questo la dice davvero lunga.

Gattuso 6

Una cosa è certa. Il fuorigioco lo sappiamo fare. Quello è poco ma sicuro. Certo Koulibaly non è fisicamente simile a Baresi ma la mano la sa alzare molto bene, come faceva Franco, il re del fuorigioco. Sei gol annullati in due partite. Un piccolo record. Sono soddisfazioni. Però ora non diciamo che è quasi come se avessimo perso 4-2, altrimenti considerati i 25 pali è quasi come se avessimo vinto lo scudetto. I fuorigioco erano netti. Certo dopo ben 4 Var impeccabili e i gol contemporanei di Allan ed Hysaj manca solo il monaco di Troisi che ci ricorda che dobbiamo morire. Ora ce lo segniamo. Di sicuro la fine del mondo da stasera è più vicina. Nell’attesa a me pare di aver visto timidi miglioramenti. Ho visto un giro palla più veloce e maggior brillantezza. Fratello Gattuso ricordati che a Barcellona non dobbiamo morire. È meglio che te lo segni.

Forza Napoli Sempre.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.