Le pagelle di Napoli-Fiorentina

314

Le pagelle di Napoli-Fiorentina

Ragazzi ho una bella notizia.
Sono stato assunto a cottimo dalla Treccani.
Quelli dell’enciclopedia.
Che poi io so pure un’azionista di fatto della Treccani.
A casa di mamma teniamo tutta l’enciclopedia completa.
Quella a volumi che fa libreria figa. Comprata negli anni ottanta da mio padre. È venuta a fa’ ‘na cifra.
Più di Cristiano Ronaldo.
E che ve lo dico a fare.
In quanto neodipendente della Treccani ho registrato un neologismo.
Si porta assai.
Il neologismo che ho registrato è lo SKYSMO.
Che poi si pronuncia Scaismo.
In realtà potrebbe essere anche schifismo.
Lo scaismo è una filosofia di commento calcistico caratterizzata da due elementi fondamentali: il tifo contro il Napoli a prescindere e la mancanza di qualsiasi competenza calcistica e di dignità.
Questa ultima si manifesta sostanzialmente in repentini cambi di atteggiamento, effetto bandieriuola al vento, dovuti ad episodi contingenti come un gol fatto o meno.
Lo SCAISMO questo non sconosciuto.
In buona sostanza per seguire il Napoli su Sky veramente ci vuole il fisico.
E si rischia il ricovero facile per probabili complicazioni epatiche.
Perché sti fenomeni davvero ti fanno fare il fegato tanto.
E ti mandano al manicomio.
Io non ci ero abituato.
C’avevo Premium e non potevo sapere.
Davvero senza ritegno.
Insigne prima della partita era Carmine Gautieri, dopo un incrocio tra Messi e Maradona.
Ancelotti fino al settantacinquesimo il fratello scemo di Bortolo Mutti, alla fine, dopo la vittoria, un novello Napoleone.
E nel frattempo Hamsik era diventato il nuovo Xavi e Zielinski più forte di De Bruine.
Che scienziati.
E come rosicano.
Noi risikiamo con il nostro condottiero Carletto e loro rosicano…
Ma per cortesia…
E non è meglio DAZZON?
Che skaif!
Nel frattempo, con buona pace degli scaifisti e di tanti criticoni, il Napoli ha battuto la Fiorentina che prima della gara era il Brasile e dopo nu buon Montevarchi.
Perché il calcio è uno sport molto semplice.
A volte banale.
Alla fine ha ragione chi vince.
Bisogna fare un gol in più.
E io stavolta ho vinto.
Non ci sono enciclopedie o scienziati che tengano. Lo SKYSMO logora chi lo fa!

Karnetzis 6+
Azz! Che emozione. Mi commuovo. Ma così è una parata? Ua’ ma è proprio checazzissimo… E chi se l’aspettava! Ho visto pure su Wikipedia: parata: “quando l’avversario tira e non segna perché il portiere respinge!”. Domani cerco pure sulla Treccani. Enciclopedico.

Hysaj 4,5
Il suo procuratore vuole il rinnovo ed uno stipendio di almeno tre milioni all’anno. Sennò va al Chelsea. Che ci da una cinquantina di milioni. Io faccio due considerazioni. Una per la società: se vi serve un autista per portarlo a Londra tenitem presente, disponibilità totale. Una a proposito di procuratori. Si merita una denuncia penale per il reato di partita oscena (specie il primo tempo) in luogo (cesso) pubblico. Altro che rinnovo. Obbligo di firma la domenica e si risolve il problema.

Maksimovic 6,5
Mi ricommuovo. Una partita intera senza fare manco ‘na strunzat. Anzi fa pure un paio di interventi da becchenbauer dei poveri. Contro un signor attacco. Ma Maksi fosse veramente bon?

Koulibaly 6
Entra in campo con un solo pensiero. Ossessivo compulsivo. Vatter a Simeone. E devo dire che ci riesce anche bene. Il povero ciolino acchiapp tant ‘e chilli buff che la metà bastava. In verità se li meritava tutti dopo l’anno scorso. E Kk qualche pacchero da faccia se lo doveva togliere. Purtroppo per il piccolo Giovannino glieli mette in faccia a lui. Bullo.

Mario Rui 5
Si sbatte e su questo non c’è dubbio. Però… pare che gli mancano sempre i dieci centesimi per apparare l’euro. Nel primo tempo con Hysaj è protagonista del simposio: “Il terzino questo sconosciuto. Ma nu cross lo ingarrate?”. Torna Ghoulam, per favore, sta squadra aspetta a te.

Zielinski 6 meno
SEI MENO. Che non è un voto. Ma un inizio di giudizio. Caro Piotr SEI MENO di quello che potresti essere. Alterna cose splendide a cagate inenarrabili. Si trova spesso in zona gol. Scetati Zio che l’area di rigore è doce!

Hamsik 6+
Luce. Basterebbe questo. Se c’è lui tutto ha un sapore diverso. Quando manca, invece, subito te ne accorgi. Come il sale. O lo zucchero se vogliamo. Finisce coi crampi perché da’ tutto. E si rialza con la faccia incazzata. O fridd ncuoll!

Rog sv
Carletto lo scioglie in campo nel finale. Senza guinzaglio o museruola, in versione cane ‘e presa, piccolo Allan. E fa il suo alla grande. Bravo Marketiello.

Allan 6,5
Lui da mo’ che è sciolto senza guinzaglio o museruola. Cane ‘e presa originale. Proprio di razza. Ma che razza di giocatore è? Fatemi vedere il pedigree!
Da proteggere tipo ‘o panda. Da clonare e riprodurre. #saveAllan

Callejon 6,5
Dove lo metti, la’ te lo ritrovi. Eccolo il mio Jose’ multitasking. Anche a centrocampo fa la sua porca figura. Mister ma una prova come terzino? Con lui è un’altra cosa, c’è poco da fare. Jose c’è! Come le scritte sull’autostrada.

Ounas 6
Il ragazzo tiene le scarpette truccate. Ricoperte di bosti’c. Il pallone si azzecca. Non lo perde mai. In realtà se lo porta pure a casa. Ce ne vuole uno solo per lui. Ma ‘o ten. ‘O ten assai. Se Carletto lo disciplina può davvero essere una bella sorpresa.

Mertens 5
Mamma mia, stavolta si è scassata la PlayStation. Puffo inguardabile. Anche un po’ triste. E se non si diverte lui non ci divertiamo manco noi…

Milik 7
Esce il (puffo) ranocchio poco azzurro Dries ed entra il Principe azzurro Arek. E Il Principe di Polacchia arrevota la gara. Tiene palla e guida l’assalto. Poi serve l’assist AL BACIO a Lorenzo. E tutti vissero felici e vincenti.

Insigne 8
Lore’, quel bacio in fronte te lo ha dato il Mister ma è come se te lo avessimo dato tutti noi tifosi. Te lo sei meritato. In mano a Sconcerti e compagnia eri diventato o frat scarz di Carmine Gautieri. Non ti meritano. Si meritano Politano, Zaza e Berardi. Tu sei il nostro Masaniello. Persino da centravanti sì mostr. Pippo Inzaghigne. Non ti curar di lor ma guarda e segna.

Ancelotti 7
È bravo Carletto.
Subito ritornato Mister Chef.
La ricetta è semplice ma perfetta.
Una bella Fiorentina al sangue.
La morte sua.
O meglio la morte loro.
Di Pioli e compagni.
In buona sostanza l’amm accis!
L’anno scorso si è lasciato lo scudetto a Firenze. Simeone e compagni ci hanno tolto cinque punti di cui i tre decisivi.
E la cosa ancora brucia.
E brucerà a lungo purtroppo.
Un po’ di schiaffi da faccia stavolta ce li siamo tolti.
Frollandoli letteralmente nella ripresa.
Perché poi la ricetta della cottura della Fiorentina quella è.
Brace fortissima.
E un po’ di pazienza.
Basta aspettare il giusto tempo di cottura.
E poi quando è cotta a puntino ma ancora al sangue la puoi mangiare.
Carlo ci mette come al solito del suo.
Insigne, che qualche scienziato dava in rotta col mister ed il mondo intero, è decisivo.
Decisivo, udite udite, da centravanti.
Chissà se qualcuno riuscirà con voli pindarici a dire e spiegarci che è merito di qualcun altro.
È un Napoli nuovo.
Diverso.
Meno bello. Ma forte.
Molto forte per me.
Con un top coach in panchina e tanti buoni giocatori.
Con grandi idee e grandi margini di miglioramento.
Io sono sereno come Carletto.
Il mister dopo la partita pare reduce da un massaggio in un centro benessere, non da una partita vinta a dieci minuti dalla fine.
È questa la nostra forza quest’anno.
La calma dei forti.
La calma di chi sa come funziona.
Di chi sa come si fa.
Io sono sereno, voi fate un po’ come vi pare.
Il carro là sta.
Siete appena scesi volete risalire?
Potete salire e scendere a piacimento come fanno gli SKAISTI.
Dalla cucina di Carletto Mister Chef oggi usciamo a pancia piena.
Io mi sento assai sazio.
Sarà che la Fiorentina mi piace assai.

Forza Napoli Sempre!

Articolo precedenteLe pagelle sulla Luna: Sampdoria-Napoli
Prossimo articoloBATTUTO UN TABÙ… DI COLORE VIOLA.
mm
Felice, papà, molto, e marito. Ispirato dalla filosofia Troisiana e cresciuto a pane e Così Parlò Bellavista. Malato (grave) di Napoli e del Napoli dalla nascita. Rapito dall’ironia e dalla punta di penna di Peppino Pacileo. Appassionato di economia, anche per necessità. Insomma una gran bella vita da orsacchiotto. Poi, però, prendi un tram in faccia all’improvviso e tutto si ribalta… e tutto è diverso. Ma non bisogna mai mollare…mai…perché il cielo è azzurro…proprio come il mare…

1 commento

  1. Bravo Felice. Molto ma molto più bravo di Hysaj e Mario Rui messi insieme.
    Come fluidifichi tu con i pensieri appassionati, nessuno lo fa… né sulla fascia né sulla tastiera del pc.
    Un caro saluto !! P&B.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.