Le pagelle di Lazio-Napoli

498

Bentrovati.
E buon campionato a tutti.
Potrei fare il fenomeno.
E togliermi un po’ di sassolini dalle scarpe. E prendere per i fondelli tanti qualunquisti e catastrofisti.
Migliaia di tifosi che pronosticavano che avremmo preso non meno di cinque palloni dalla fortissima Lazio del genio Inzaghino, sempre più chiagnulent e celodicoamamma.
Non lo farò.
Non dirò siamo forti.
Non dirò ve lo avevo detto.
Anzi lo dico, ma non è la cosa più importante.
Siamo forti.
Ve lo avevo detto.
La cosa davvero importante però è un’altra.
Parliamone.
Dazn.
Anzi Dazo’nn!
Che fa rima con Maroooooooooooooon!
Che stress!
Non si può.
Intanto non si può vedere una partita ncopp ‘o telefon o sul tablet. Solo tu. Come un deficiente. Asociale ed alienato.
È come la macchinetta del caffè da una tazzina di Troisi.
Che tristezza!
Poi è un impegno psicofisico incredibile. Ho fatto più chilometri di Hamsik e Zielinski. Secondo solo ad Allan. A fine partita ‘o regista ha messo i dati. Dopo Allan appunto Antignani. Con 9,654 km “covered”. Mi so fatto centoquaranta giri del giardino, alla ricerca del segnale. Bastardi!
Quel cacchio di segnale si bloccava una continuazione. Si è bloccato pure sul gol loro. Ciro era veramente immobile sul tablet. Iss e ‘a port. Ed io terrorizzato.
Ho fatto di tutto per non farlo segnare. L’ho pregato in tutti i modi. Ciro non lo fare. Tu sì nu brav uaglione. Iamm Ciru’.
Fai il bravo… C’ agg rat pure tre colpi di polpastrello in testa.
Ma niente.
Il segnale è ripartito è ha signat.
Bastardo pure lui…
Ma la cosa bella di Dazonn è che con Dazonn ognuno s ver na partita sua. Personalizzata. Sono le 23,30 e il mio vicino ancora la sta vedendo.
E il bello è che ncopp ‘o telefono suo il primo gol di Milik l’hanno dato. Infatti sta a fine primo tempo e stanno già 1-2.
Chissà quanto finirà la partita da lui.
E soprattutto se finirà.
Che tristezza.
Ora che mi ci fate pensare…
Ma sicuro che abbiamo vinto?
Sul mio telefono sì…

Karnetzis sv
Non è l’ultimo arrivato. L’ultimo arrivato è Ospina che ha pers pure ‘o freccia rossa per Roma. Non sembra sicurissimo. Esulta come un pazzo sul palo di Acerbi. Bene. Ci tiene. Miracolo su Luis Alberto ma era fuorigioco. Anzi no. Però sì. Nel dubbio meglio così, sennò pure ci davano il gol contro. Magari dopo cinque minuti di fermo immagine Daz’onn.
Hysaj 6,5
A correre corre. Come al solito. Hysaj Gump. Entra pure nel secondo gol di Insigne. Con un cross sbagliato che capisce solo Allan che ‘o sap. Se sapesse crossare… Ma se Cancelo è top player…che ‘o buo’ ricer?
Albiol 6 meno meno
Ciruzzo lo manda al bar sul gol. L’uno contro uno non è il suo forte. Però cazz… il tre contro uno, almeno…A Napoli si dice avuto avuto, fesso fesso. Poi ottima gestione di una difesa che non concede nulla.
Koulibaly 6+
Alterna fasi di “nun teng genio totale, mo’ vag a Formia e mi schiaffo sul lettino” a fasi di neronita’ assoluta in cui fa il Koulibaly vero. Per giudicare queste seconde basta guardare le facce di Immobile. Terrorizzato.
Mario Rui 6
Un po’ super Mario un po’ Rui. Ottimo (SuperMario) in fase di spinta e palleggio meno sul gol loro(Rui sciem, forse tre…). Benino nel complesso. Cresce alla distanza. Cresce ovviamente per modo di dire…
Zielinski 6,5
Intermittente. Come Dazon. A tratti pare pure bunariell. Buona prima parte, poi si stuta e scompare un po’. Sembra comunque un po’ più scetato.
Rog 6
Tredici minuti recupero compreso. La metà del suo minutaggio dell’intero 2017. Votta mazzate nel finale. E lo fa bene, con due recuperi importanti. Ma la Lazio era già cotta di suo.
Hamsik 6,5
Luce. Ma vera. Fa il Pirlik contro uno dei centrocampi migliori di Italia. Almeno sulla carta. Perché sul campo i laziali fanno i pirla appresso al pallone, che non vedono mai. Ancelotti lo sostituisce per non fargli perdere le buone abitudini. Nessun dubbio per me. Sarà un grande regista. Fidiamoci di Dela. Di registi ne capisce…
Diawara 6,5
Azz! Prende in mano il centrocampo e convince. Altissimo. Larghissimo. Nironissimo. Nu buon Yaya Toure con l’accento bologneeeese. Molto bene.
Allan 8
Se Milinkovic e Savic valgono 100 milioni, quanto valgono i tre ( o so’ 4?) fratelli Allan che lo hanno semplicemente mortificato? Giocatore mostruoso. Per la serie Inzaghi’ mo’ ti sciolgo ‘o can ( ‘e pres) appress…
Callejon 7+
Qualcuno s’era dimenticato Jose’. Io continuavo a dirlo. Quello delle ultime gare dell’anno scorso era ‘o frat scoppiato.
Calle vero è il giocatore che tutti gli allenatori vorrebbero. Il bravo ragazzo che tutte le mamme vorrebbero fidanzato con la propria figlia. O con la mamma proprio. Indispensabile. Altruista. E decisivo. Che uomo squadra!
Milik 7,5
Uno lo segna. Uno glielo tolgono. Uno lo sfiora. Uno se lo mangia. Uno glielo salvano sulla linea. Sta semp la’. Quant’e’ bell ‘o centravanti mio. Armadius principe di Polacchia. Belotti? Ma per piaceeeere…
Insigne 7,5
“Riscatta un precampionato senza gol con un bel gol alla Lazio”. Diletta Liotta dixit. Vabbuò Dile’… è vero che non è la competenza calcistica la qualità che ti ha portato al successo…però…
In realtà il commento ha un suo perché.
Il calcio di agosto è fuffa. Un mese di pippe mentali appresso alle amichevoli. Poi si fa sul serio. E quando il gioco si fa serio il uaglione fa ‘o mostr. Assist e gol da mostro. LI24. Scusate se è poco…
Mertens 6
O puff pleistescio sta ancora in modalità infradito e asciugamano. Sciupa un paio di ripartenze nel finale. E guadagna iastemme in streaming. L’ultima frontiera dell’insulto tifoso. Da rivedere soprattutto lo sciatuscio stile Hysaj. Nun pazziamm…
Ancelotti 7,5
Master chef.
Che orgoglio. È il mio allenatore.
Uno che scherza con Shevchenko, suo amico fraterno.
Una leggenda vivente. E vincente.
Da calciatore ed allenatore.
È il MIO allenatore. Il NOSTRO allenatore. Che orgoglio.
Io sono ORGOGLIOSO.
Anche voi che siete scettici…
guelfi, ghibellini, antipapponici, filomaestrici, orazi e curiazi, siatene ORGOGLIONI.
Ma già lo siete, io lo so…
Un grande.
Per il momento non si stravolge nulla.
Il calcio è un gioco semplice.
Non per scienziati.
‘E scie…nziati li mandiamo alla Nasa…
Insieme ‘e scie…mi.
Si riparte dalle certezze.
Dai 91 punti.
Dalla vecchia guardia.
Che non è proprio na banda ‘e musica.
Agevolati anche dalla nullità di Inzaghino, novello Nereo Rocco dei nostri giorni, un uomo un catenaccio.
65 per cento di possesso palla.
La squadra aveva bisogno di certezze.
Di qui anche le sostituzioni.
Hamsik fuori al 70’ circa.
Rog che fa otto minuti più recupero.
Che poi 13 minuti è il suo minutaggio complessivo dell’anno scorso.
Ed, infine, un classico intramontabile, anche se un po’ vintage, Beniteziano, Mertens per Insigne.
Bravo Carle’…
Vai avanti per la tua strada…
Prendi il meglio e mettici il tuo.
Assembla gli ingredienti.
Tu sei il nostro TOP COACH.
Il nostro MASTER CHEF.

Il nostro Carletto Mister Chef.

Forza Napoli Sempre

Articolo precedenteChi NON si ferma HA perduto.
Prossimo articoloNON salite sul carro…
mm
Felice, papà, molto, e marito. Ispirato dalla filosofia Troisiana e cresciuto a pane e Così Parlò Bellavista. Malato (grave) di Napoli e del Napoli dalla nascita. Rapito dall’ironia e dalla punta di penna di Peppino Pacileo. Appassionato di economia, anche per necessità. Insomma una gran bella vita da orsacchiotto. Poi, però, prendi un tram in faccia all’improvviso e tutto si ribalta… e tutto è diverso. Ma non bisogna mai mollare…mai…perché il cielo è azzurro…proprio come il mare…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.