Le pagelle di Atalanta-Napoli

455

Tutti a mare! È finita. In realtà non era nemmeno cominciata, o meglio non era ricominciata. È finita. Da mo’ che era finita…Si era già capito che non potevamo recuperare 12 punti a ‘sti assatanati. Questi a luglio con 540 gradi percepiti corrono più dei maratoneti keniani alle Olimpiadi. Sul breve hanno scatti e tempi di reazione da far impallidire Ben Johnson. Sulla distanza e resistenza sembrano una squadra di ciclismo, una a caso, la Us Postal di Luis Armstrong. Tutta salute. Onore dunque a loro. Ci sono rimasto parecchio male. Io avrei voluto vincerla. Avremmo dovuto vincerla. Anche se era inutile. Lo meritavamo. Per tanti motivi. Per quella vergognosa partita dell’andata. Per la faccia da flatulenza non rumorosa del loro mister. Perché era finita ma non proprio. E vabbè. Mancano ancora 9+1 partita. Ad oggi. E poi chi lo sa. Magari facciamo qualche partita in più. Magari. Magari si chiude una porta e si apre un portone. Magari. Abbiamo perso. Ci hanno rubato l’idea, come diceva quel grande allenatore. Loro hanno fatto il Napoli. E noi, invece, non abbiamo saputo fare l’Atalanta. Loro tutti dietro compatti e pronti a ripartire. Due tiri e due gol. Noi invece a commettere errori banali come non facevamo da tempo. Una bella botta. E ora tutti a mare. A fare il bagno di umiltà. È finita. Ma non finisce qui…

Ospina sv

Un passa guai. Spericolato. E parecchio sfurtunato. Il nostro Pisellino ogni tanto ci spaventa. Di positivo c’è che è la classica seconda botta e la seconda botta a volte può avere effetti taumaturgici…

Meret sv

Piglia due tiri e due gol. Entrambi imparabili. Poi l’Atalanta non fa niente altro. Ma purtroppo basta e avanza. A ‘sto giro Alex avrebbe di sicuro preferito restarsene in panca a preparare le bruschette.

Di Lorenzo 6-

Tra i meno peggio là dietro. Annulla lo spauracchio Goosens per quasi tutta la gara. Mannaggia al quasi. Di sicuro più sfortunato che colpevole sui due gol.

Maksimovic 5

Zapatone in versione Robocop lo mortifica. Sovrastato di fisico. Bruttissima serata per uno che di fisico quest’anno aveva fermato chiunque. La colpa è sua solo in parte. A saperlo che Duvan è diventato il figlio di Mazinga. Andava di sicuro protetto di più. Ora nessuno osi discuterlo dopo una stagione mostruosa. Maksi è bon e basta.

Koulibaly 5,5

Spreca ben due, dico due cross perfetti in malo modo. Dicesi in gergo “capa a limone”. Vabbè che in teoria quello di Torino alla Juve basta per una vita intera, ma mo’ basta. È ora di farlo un altro gol di testa. Ma che r’è ‘na maledizione? Mannaggia ‘a capa sua…

Mario Rui 5-

Comincia benino Poi con dieci minuti di ordinaria follia rovina tutto. Il lato suo è di burro, manco fosse Mario Hysui. E poi di nuovo quella faccia e quel troppo nervosismo. Maestro Gattuso fate finire a Marietto, chiacchiera sempre, chiacchiera troppo…

Fabian Ruiz 4,5

L’Atalanta lo manda di nuovo in barca. Due sue  giocate sono la cartina di tornasole della gara. L’errore sul primo gol loro ed il gol mangiato. Sul secondo è forse ancora più imperdonabile. Quello è il suo tiro. Doveva sfondare la porta.

Demme 5,5

Anonimo. Palleggia in modo scolastico e spesso inutile. Gli atalantini lo lasciano fare e quando accelerano lo sovrastano. Il nostro Ciccio Romano 2.0 stavolta appare piccolo piccolo.

Lobotka 6

Giggi entra bene in partita. Co’ sentiment. E co’ core. Come solo lui sa fare. Piace la sua regia tecnica ma verace. Più tecnico e efficace di Ciccio. Stabbene al “Reggista”.

Zielinski 6

Lo zio è il meno peggio in mezzo al campo. La sua classica finta di tacco con giravolta è immarcabile. E se andasse avanti così, giravoltando? Fino ad entrare in porta col pallone, magari. Tipo il golosastro della girella. Mi astengo sul capello alliccato, sempre più improponibile.

Politano 4

Quando parte e si accentra con finta, controfinta e controcontrofinta ti scippa davvero i chitebbivi i chitestravivi e i chitestrastravivi da bocca. Fa sempre la stessa cosa che porta sempre alla stessa cosa. Ovvero il nulla cosmico. Levatelo. Levatelo mano. Inefficace.

Callejon 6

Grazie Josè. Grazie solo per il fatto di esistere. Per essere entrato. Ti voglio bene. Torna. ‘Sta fascia destra aspetta a te. Col Barcellona giochi tu ed altri 10. Nun pazziamm’ proprio.

Mertens 5+

Moscio. Corre tanto e si impegna ma senza risultati. Mai pericoloso. Tira una sola volta in porta. Stavolta manca la sua firma. Staffetta inutile con Milik.

Milik 5

La staffetta con Mertens è uno “scarta frusc’ e piglia primera”, come dicono a Bergamo. Ovviamente alta. Non tira manco una volta in porta.

Insigne 6+

Primo tempo da vero capitano. Toglierlo per lasciare in campo Politano è davvero un’eresia calcistica. Scomunicate Gattuso! Lorenzo è l’anima del Napoli in questo momento. E se togli l’anima a una squadra…

Lozano 6,5

Ciuchi Ciuchi non si mantiene. Gli lanci il pallone e lui pare un cacciuttiello al parco. Corre come un pazzo finché non te lo prende. Unica nota lieta di una serata da dimenticare. Fa più lui di Politano, Milik e Mertens messi insieme. Non è che ci volesse molto per la verità. È persino più veloce degli atalantini è questo invece è davvero strano.

Gattuso 5

Mister una cosa siamo d’accordo. Anche io sono incazzato. Anzi, io so’ più incazzato di te, mister. E sono anche incazzato con te. Ancora non ho capito la sostituzione di Insigne e nemmeno la eccessiva presenza di Politano. Comunque hai detto bene. Troppe chiacchiere. Troppa fuffa. Troppa supponenza. Siamo stati presuntuosi. E poco umili. Siamo stati molto poco gattusi. E anche tu. Gattusati di nuovo. E gattusizziamoci tutti, tifosi compresi, di nuovo. Immediatamente. La nostra forza è quella. È stata quella. Umiltà. Sofferenza e ripartenza. Ci abbiamo persino vinto un trofeo. Dopo anniannieanni. Battendo tutti. Per favore non ricominciamo con il bel gioco. Non ricominciamo con le tabelle. Non ricominciamo a parlare di numeri e statistiche. Non voglio sapere quanti calci d’angolo abbiamo battuto e l’indice di pericolosità. Io sono molto più terra terra. Io so cafone. Voglio il Napoli della coppa Italia. Voglio giocare male e vincere. Magari facendo due gol con giusto due tiri come la “meravigliosa” Atalanta. Noi così sappiamo giocare e quindi così dobbiamo giocare. Il calcio è un gioco semplice. E alla fine chi vince tiene ragione. Quindi Gasperini tiene ragione. E così dobbiamo sorbirci ancora una volta quella faccia da flatulenza e quel sorriso da ebete. La meravigliosa Atalanta… ma vafangul!

Forza Napoli Sempre

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.