Che è… che è stato… che è succies? 30esima giornata

72

 

Il 30esimo turno di campionato ha consegnato il Napoli agli annali della storia: record di pali e traverse colpiti nella stagione 2019/20. Fra qualche tempo, sarà dedicato uno speciale di Super Quark per indagare sulla misteriosa serie di sfortunati eventi che ha portato i partenopei a fregiarsi di cotanto primato. Anzi, di cotanta sfiga. E che gatti (translate in english). Se solo la metà di quei pali e traverse fossero stati gol… oggi forse saremmo di certo più su in classifica.

Intanto, godiamoci il ritrovato successo degli azzurri che, dopo la sciuliata di Bergamo, hanno giocato una gara gagliarda ed hanno meritatamente battuto i giallorossi capitolini di mister Fonseca (gran brav’uomo ed ottimo allenatore).

Il Napoli mi è piaciuto. Qualcuno dei partenopei forse è apparso un po’ sotto tono, ma tutti hanno messo impegno e determinazione. Ha funzionato a dovere la catena di sinistra. Ha retto bene la difesa titolare. Ha fatto fuoco e fiamme l’attacco atomico. Senza dimenticare che di fronte avevamo una delle migliori squadre del panorama nazionale. Insomma una serata, per meglio dire… una nottata… positiva.

E pensare che ancora ci sono ampi margini di miglioramento. In particolar modo ho la netta sensazione che il Napoli è capace di fare molto di più. Soprattutto ad agosto.

Grandissimo Lorenzo, vero trascinatore e giustamente premiato dal dolce suono del pallone che si insacca in rete dopo un fantastico “tiroaggiro”. Bene…ed ora non mancate di leggere le intriganti pagelle di Felice, costretto stavolta a farle ad occhi chiusi… dal sonno.

Detto del record e della vittoria del Napoli, cosa è successo sugli altri campi?

Qui sotto trovate brevi note degli altri risultati… alcuni dei quali hanno determinato, con ogni probabilità, il destino della seconda e terza in classifica.

I serpentini, nel derby della Mole, hanno impartito una sonora lezione ai cugini del Toro. Partita in discesa sin dai primi minuti per i rubentini, che hanno messo subito sotto gli avversari, apparsi più scarsi del solito. Sul due a zero per i ladroni di casa, l’arbitro ha distrattamente assegnato un penalty ai granata, sperando di ravvivare la contesa. Niente da fare: nella ripresa non ci sono state più distrazioni, neanche da parte dell’arbitro, ed i pluriscudettati hanno ampliato il vantaggio. Cierresettetè cucù tetè ha fatto un supergol su punizione che, nientemeno, ha fatto esultare a braccia alzate e pugni chiusi pure quell’infido traditore di Sarri. Roba da voltastomaco.

Il Sassuolo, in una gara giocata a viso aperto, ha battuto il Lecce ancora una volta con la difesa in modalità colabrodo. Il risultato, a dir il vero, è stato a lungo in equilibrio, poi verso l’80esimo si è acceso Boga e, contemporaneamente, si è spenta la squadra salentina. I giallorossi di Puglia hanno così collezionato la quarta sconfitta consecutiva dalla ripresa del torneo: un ruolino di marcia utile per conquistare un posto nella prossima serie cadetta.

Il Milan che non ti aspetti ha sfoderato una robusta prestazione all’Olimpico ed ha colto il successo pieno contro una Lazio apparsa un po’ ferma sulle gambe, priva del capocannoniere del campionato e, per giunta, costretta a rinunciare anche a Milinkovic Savic a gara in corsa. In altre parole, il Milan ha fatto boom ma a scoppiare è stata la Lazio. Di fatto, i rossoneri hanno dato il segnale di via libera ai rubentini per metter’ e man’ ‘ncopp a n’at scudett’.

Se Sparta piange, Atene non ride. Inzaghino e Gonde accomunati da identico destino: dopo la sconfitta della Lazio, è giunta anche la sconfitta dell’Inter.

Clamoroso il risultato maturato a Milano nel pomeriggio domenicale: dopo l’iniziale vantaggio di Lukaku e l’errore dal dischetto di L.Martinez per il potenziale raddoppio, i nerazzurri, nel giro di 6 minuti, hanno prima subito il pareggio e poi addirittura il sorpasso dalla banda di mister Mihajlovic.

Ed ora le due squadre inseguitrici rischiano di diventare inseguite, ambite prede dell’Atalanta che, in classifica, è ormai arrivata a ridosso della terza piazza.

Atalanta che in terra sarda, non brillando, è riuscita a fare bottino pieno con un gol dal dischetto di rigore. In partenza l’undici di Bergamo non ha schierato Zapatone, Ilicic e Papu Gomez, entrati poi a due terzi di gara senza lasciare però il segno sul match. Ottima e sfortunata gara, invece, per i cagliaritani che dal 26esimo del primo tempo hanno giocato con un uomo in meno. Il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. Ma di questi tempi, la squadra di gne gne Gasperini tiene un fondo schiena decisamente spropositato. Anzi di più.

È risuscitato il Brescia, dopo la scoppola tennistica subita nel turno precedente, ed ha vinto con merito, approfittando di una giornata poco felice del Verona. Senza Ambrabat ciccì cocò, i veronesi sono apparsi poco lucidi a centrocampo e vulnerabili in difesa. Nei lombardi il giovanissimo Papetti ha giocato da veterano consumato, nonostante abbia compiuto 18 anni solo da poche ore, ed ha pure segnato un bel gol di testa. Complimenti al giovanotto. Farà strada.

La Fiorentina finalmente è ritornata alla vittoria: con merito in trasferta ha sconfitto il Parma, allontanandosi così dai bassifondi della classifica. Tutte le marcature sono scaturite da calci di rigore. Var in azione a ritmo continuo, con qualche dubbio di troppo però. I toscani hanno sfiorato più volte il terzo gol in contropiede ma, sotto porta, hanno avuto tanta frenesia e poca fortuna. Per gli emiliani quella di domenica sera è stata la terza sconfitta di fila. Non sarà il caso, per mister D’Aversa, di rivedere l’atteggiamento in campo di Gervinho e soci?

La Samp ha messo sotto la Spal con una doppietta di Linetty ed una splendida rete su punizione di Gabbiadini. Lo show di gol è andato in onda tutto nel primo tempo. Nel secondo, invece, i liguri diciamo che hanno controllato la situazione, legittimando il successo casalingo. I ferraresi visti sotto la luce della lanterna non hanno purtroppo giocato con la stessa intensità del match disputato nel turno precedente, tuttavia il passivo di gol è un po’ eccessivo. Dimenticavo… Petagna ha colpito due pali: si vede che è già allineato agli standard del Napoli, eh?

Tra Udinese e Genoa è finita in parità un match che i friulani avrebbero potuto tranquillamente vincere. In vantaggio di 2 gol, i locali hanno avuto un calo di concentrazione e negli ultimi minuti, anzi negli ultimi secondi, hanno gettato alle ortiche i tre punti. Bravo e fortunato il Genoa che, nonostante tutti i suoi limiti, non ha mollato sino alla fine, credendo nella rimonta e nella conquista del punto insperato.

Alle spalle il 30esimo giro, tra poche ore la giostra ricomincia per il 31esimo turno. Il Napoli farà visita a Pandev e compagni in terra ligure. Ai rossoblù serve la vittoria, agli azzurri invece serve la conferma di essere sulla strada buona. Sarà una partita tosta, forse complicata, ma il Napoli ha i mezzi per fare una bella prestazione.

Juve-Torino 4-1

Sassuolo-Lecce 4-2

Lazio-Milan 0-3

Inter-Bologna 1-2

Cagliari-Atalanta 0-1

Brescia-Verona 2-0

Parma-Fiorentina 1-2

Samp-Spal 3-0

Udinese-Genoa 2-2

Napoli-Roma 2-1

#Forza Napoli.

Andrea P&B

Articolo precedenteDillo con una foto: 5 luglio 1984
Prossimo articoloDillo con una foto: Levatevi davanti arriva il Chucky
mm
Tifoso del Napoli dai tempi del maestro Luis Vinicio, sognatore da sempre, fotografo mancato e strimpellatore convinto di strumento a sei corde, bancario fedele ultratrentennale, laureato in economia aziendale alla tenera età di 50 anni, sposato con prossima vista sulle nozze d’argento con due figli parimenti tifosi del Napoli sin dalla nascita, provo a seguire gli insegnamenti del Cristo Gesù e di tanto in tanto mi cimento a parlare di pallone… ma solo a mente fredda. Non odio la Juventus, mi limito solo ad evitarla scrupolosamente per non cadere in tentazione! Saluto di solito con “Pace e Bene”… e qualcuno recentemente mi ha apostrofato proprio così, “Andrea Pace e Bene”. Mi sembra una buona idea per il mio nick name da provetto blogger azzurro. Andrea P&B.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.