Il borsino di venerdì 9.2.2018

121

Carissimi amici di 17su24.it, eccoci all’appuntamento con il nuovo borsino.

Napoli-Lazio.

E so’ cazzi.

O meglio so’ cazzi secondo il tifoso PSICOPATICO medio, specie sempre più in espansione nonostante l’invidiabile posizione di classifica che abbiamo e, paradossalmente, man mano che si va avanti e si consolida questa posizione.

Sono cazzi perché hanno perso lunedì e saranno incazzati neri perché hanno perso.

Faccio una premessa. La partita è difficilissima perché la Lazio è una signora squadra e giocherà alla morte. Sarà davvero dura e quasi un crocevia, considerato che poi le prossime sono abbastanza abbordabili. Questo è fuori di dubbio

Ma, ciò premesso e dissipato ogni dubbio, faccio presente che ha perso, ma ha perso contro o Genoa, tutto ‘o blocc, con Pandev migliore in campo. Ed ha giocato pure di lunedì, quindi manco ci putimm lamenta’ più di tanto, per onestà intellettuale.

Peraltro se la Lazio avesse pareggiato coi rossoblù, i simpatici psicolabili avrebbero detto che stavano incazzati per il pareggio. Se addirittura avesse vinto che invece stavano ringalluzziti per la vittoria. Insomma come ti muovi ti muovi hanno ragione loro, i pessimisti. Sarà ‘na sofferenza sta partita!

Io sono molto più preoccupato del fatto che nemmeno domani giocherà Politano, né Verdi. Dovremo quindi accontentarci di nuovo di Mertens, Insigne e Callejon. Pare però che Mertens non abbia ancora recuperato. Speriamo che sia pretattica. Nu poc ‘e pacienza.

 

Tutti contro di noi. Non molliamo di un centimetro…

 

Up

 

Callejon e Mertens

Si stanno avvicinando ai livelli di Verdi e Politano … stabbene!

 

Down

Verdi e Politano. Uno infortunato uno avvilito.

 

Aspettiamo i vostri pronostici.

Chi azzeccherà il migliore ed il peggiore in campo?

Forza Napoli Sempre

Articolo precedenteVENTITREESIMA GIORNATA: Un altro passo in avanti… consapevolmente !!
Prossimo articoloLa maglia di Puffo pleistescio all’Asta!
mm
Felice, papà, molto, e marito. Ispirato dalla filosofia Troisiana e cresciuto a pane e Così Parlò Bellavista. Malato (grave) di Napoli e del Napoli dalla nascita. Rapito dall’ironia e dalla punta di penna di Peppino Pacileo. Appassionato di economia, anche per necessità. Insomma una gran bella vita da orsacchiotto. Poi, però, prendi un tram in faccia all’improvviso e tutto si ribalta… e tutto è diverso. Ma non bisogna mai mollare…mai…perché il cielo è azzurro…proprio come il mare…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.